Tag Archives: Jihad

9/11 remembrance: research reflections for security – by Maria Alvanou

The first years after the 9/11 attack were used to wage war against Al Qaeda in what seemed to be a US affair. Soon it became evident that Europe was also under threat and while european countries never adopted a direct, clear military approach to countering terrorism, they did take measures and adopted polices that challenged longstanding principles of human rights and liberties. Continue reading

25Jul/18

Coordinated Terrorist Attacks in Canada? – by Angelo Raimondo

On the evening of July 22nd, 2018 a gunman identified as 29 year-old Faisal Hussein, opened fire targeting innocent civilians in a busy area known as Greektown on Danforth street in Toronto, Ontario. This incident left 13 injured and 3 dead, including the gunman. The following day, in Ottawa, a man identified as 24 year-old Jesse Mooney, was arrested on a busy Parliament Hill after an altercation with officials during the popular Changing of the Guard ceremony.   Continue reading

02Jul/18

Crime-Terror nexus and Potential Jihadist’s Uses of Cryptocurrencies – by Daniele Maria Barone

This May, the analysis commissioned by the European Parliament TERR Committee[i] about terrorism financing by virtual currencies, “Virtual currencies and terrorist financing: assessing the risks and evaluating responses[ii]”, has depicted the complex nature of the actors generally involved in extremist groups’ online financing. Continue reading

29May/18

Attacco a Liegi: il terrorismo quotidiano che ci perseguita – by Marco Lombardi & Marco Maiolino

Intorno alle 10:30 di questa mattina, in un’area centrale di Liegi, importante città belga vicina al confine tedesco, un uomo, vestito di nero, che sembra aver lanciato l’ormai ricorrente grido “Allah Akbar”, ha pugnalato alle spalle due poliziotte e si è impossessato delle loro pistole di ordinanza per finirle. Continue reading

24Mar/18

Attacco alla Francia. Daesh? Di certo il terrorismo

Oggi 23 marzo 2018, mattina, un ventiseienne d’origine marocchina, successivamente identificato come Redouane Lakdim, fermava un’auto a Carcassonne (Francia meridionale), sparava ai due occupanti del veicolo, uccidendo il passeggero e ferendo gravemente il conducente per poi impossessarsi del mezzo. Una volta a bordo si avvicinava e sparava colpi di arma da fuoco contro 4 militari della polizia nazionale che facevano jogging, ferendone uno gravemente al torace (due costole rotte e un polmone perforato). Sono le 10:30 circa. Continue reading

02Mar/18

Daesh? Quale forma sta prendendo il terrorismo? Ma chi sono i nemici? – by Marco Lombardi

La domanda ricorrente, in questi ultimi mesi, riguarda la nuova forma che il terrorismo islamista potrà prendere, dando per scontato che sarà un attore significativo nel perdurante conflitto. Proviamo dunque, se non a rispondere, a mettere sinteticamente in fila i pezzi di un puzzle del quale non si ha la visione finale. Continue reading

13Jan/18

Per combattere Daesh, contro-narrative e narrative-alternative sono strategie superate –  by Marco Lombardi

Il tema delle contro-narrative o delle narrative alternative è stato al centro del dibattito per tanto tempo. Senza alcuna conclusione almeno in Italia e con scarse conclusioni misurabili per gli effetti ottenuti nei paesi dove queste iniziative sono state realizzate. Continue reading

28Dec/17

Meriem Rehaily: cosa implica la storia della jihadista padovana – by Giovanni Giacalone

Meriem Rehaily, la ventiduenne marocchina fuggita nell’estate del 2015 da un paesino del padovano per raggiungere la Siria e unirsi al Daesh, potrebbe essere rientrata in Europa e sarebbe attualmente nascosta in Francia sotto falsa identità. La notizia è stata rivelata pochi giorni fa dal quotidiano marocchino Al-Ahdat al-Maghribia e si baserebbe su fonti legate all’intelligence europea, forse francesi o spagnole. Continue reading

05Dec/17

Daesh cambia forma. Resta (aumenta) la minaccia – by Nicolò Spagna

Il collasso del sedicente Stato Islamico in Siraq ha rappresentato una importante vittoria per la coalizione anti-ISIS impegnata da oltre un anno contro l’organizzazione terroristica. Nonostante il tracollo territoriale è essenziale sottolineare come la minaccia jihadista nei confronti dell’Occidente e dell’Europa nello specifico non è da considerarsi in diminuzione. Continue reading