Tag Archives: Terrorism

19Jun/18

Contemporary Measures to Counter the Misuse of Cryptocurrencies – by Daniele Maria Barone

As pointed out during the International Conference on terrorism financing “No Money for Terror” held in Paris the 25-26th of April 2018, which has gathered Ministers from 80 countries and nearly 500 experts, a growing number of States is criminalizing terrorism financing as a standalone offense but the number of terrorism-financing cases being successfully prosecuted by UN Member States’ judicial systems is still limited, due to the difficulty of proving the intent that the funds would be used for terrorism purposes[i]. Continue reading

07Jun/18

Bitcoin and other types of cryptocurrency: modern and undetectable ways to finance terrorism – by Daniele Maria Barone

In April this year, the European Parliament’s members voted by a large majority (574 yes votes to 13 no votes, with 60 abstentions[i]), to support a December 2017 agreement with the European Council, for measures aimed to prevent the use of cryptocurrencies in terrorism financing. Continue reading

31May/18

Daesh? Sarà forse “morto”. Ma certo è molto resiliente –  by Barbara Lucini

Il recente attentato occorso a Liegi qualche giorno fa (qui un approfondimento) rivendicato da Deash via Amaq, ma anche l’evocativo attacco con coltello sul treno in arrivo a Flensubg (Germania), riporta l’interesse per una domanda quanto mai essenziale per la sicurezza di tutti noi: quale è l’eredità di Daesh? Continue reading

29May/18

Attacco a Liegi: il terrorismo quotidiano che ci perseguita – by Marco Lombardi & Marco Maiolino

Intorno alle 10:30 di questa mattina, in un’area centrale di Liegi, importante città belga vicina al confine tedesco, un uomo, vestito di nero, che sembra aver lanciato l’ormai ricorrente grido “Allah Akbar”, ha pugnalato alle spalle due poliziotte e si è impossessato delle loro pistole di ordinanza per finirle. Continue reading

24Mar/18

Attacco alla Francia. Daesh? Di certo il terrorismo

Oggi 23 marzo 2018, mattina, un ventiseienne d’origine marocchina, successivamente identificato come Redouane Lakdim, fermava un’auto a Carcassonne (Francia meridionale), sparava ai due occupanti del veicolo, uccidendo il passeggero e ferendo gravemente il conducente per poi impossessarsi del mezzo. Una volta a bordo si avvicinava e sparava colpi di arma da fuoco contro 4 militari della polizia nazionale che facevano jogging, ferendone uno gravemente al torace (due costole rotte e un polmone perforato). Sono le 10:30 circa. Continue reading

02Mar/18

Daesh? Quale forma sta prendendo il terrorismo? Ma chi sono i nemici? – by Marco Lombardi

La domanda ricorrente, in questi ultimi mesi, riguarda la nuova forma che il terrorismo islamista potrà prendere, dando per scontato che sarà un attore significativo nel perdurante conflitto. Proviamo dunque, se non a rispondere, a mettere sinteticamente in fila i pezzi di un puzzle del quale non si ha la visione finale. Continue reading

27Jan/18

Che cosa insegna l’arresto dell’ex jihadista di Bosnia che manda il figlio nell’Isis – by Giovanni Giacalone

Venerdì 26 giugno viene arrestato in provincia di Como Fayek Shebl Ahmed Sayed con l’accusa di associazione per finalità di terrorismo. Un mandato di arresto è stato inoltre spiccato per suo figlio, il 24enne Saged, latitante in Siria dove milita nelle file di una katiba qaedista, la Nour El Din Al Zenky. Continue reading

13Jan/18

Per combattere Daesh, contro-narrative e narrative-alternative sono strategie superate –  by Marco Lombardi

Il tema delle contro-narrative o delle narrative alternative è stato al centro del dibattito per tanto tempo. Senza alcuna conclusione almeno in Italia e con scarse conclusioni misurabili per gli effetti ottenuti nei paesi dove queste iniziative sono state realizzate. Continue reading

28Dec/17

Meriem Rehaily: cosa implica la storia della jihadista padovana – by Giovanni Giacalone

Meriem Rehaily, la ventiduenne marocchina fuggita nell’estate del 2015 da un paesino del padovano per raggiungere la Siria e unirsi al Daesh, potrebbe essere rientrata in Europa e sarebbe attualmente nascosta in Francia sotto falsa identità. La notizia è stata rivelata pochi giorni fa dal quotidiano marocchino Al-Ahdat al-Maghribia e si baserebbe su fonti legate all’intelligence europea, forse francesi o spagnole. Continue reading