Tag Archives: IS

26Nov/15

IS e jihadismo in Albania – by Giovanni Giacalone

IS ha da tempo mostrato il proprio interesse per l’area balcanica, tanto che nel giugno 2015 si è mosso mediaticamente , tramite la sua principale casa di produzione, la al-Hayat Media Center, con un nuovo video specificatamente orientato ai Balcani: “Honor is in Jihad. A Message to the People of the Balkans”. L’obiettivo è chiaro, scuotere i musulmani dei Balcani e spingerli verso due direzioni: l’ “Egira” verso lo Stato Islamico o la jihad neo propri paesi. Continue reading

20Nov/15

L’attacco continua: Mali, luxury Hotel di Bamako – by Marco Maiolino e Alessandro Burato

Al-Mourabitoun, gruppo di jihadisti maliani definito dai media come alleato di AQ, ha rivendicato via Twitter l’attacco di oggi al luxury hotel della capitale maliana, Bamako, che ha causato la morte di 27 persone. Un commando di apparentemente 10 miliziani islamisti ha tenuto impegnate le forze speciali USA, maliane, francesi e una peacekeeping force delle Nazioni Unite per diverse ore. I combattenti hanno setacciato la struttura “piano per piano, camera per camera” alla ricerca di ostaggi (circa 170 persone, tra cui molti stranieri: Francesi, Belga, Cinesi, Americani, Turchi ecc.) Continue reading

19Nov/15

Attacco a Parigi: Stop calling Europe resilient! – by Barbara Lucini  

Apparentemente il periodo post uragano Katrina e quello post attacchi terroristici del 13 Novembre a Parigi non hanno nulla in comune. L’uno occorso in Europa, l’altro negli Stati Uniti; l’uno un evento principalmente di origine naturale, l’altro di matrice unicamente umana. Invece una questione in comune si può trovare: la resilienza attribuita alle persone per affrontare il post evento e le sue drammatiche conseguenze. Continue reading

17Nov/15

Gli attentatori di Parigi: le relazioni da ricostruire – by Marco Maiolino e Alessandro Burato

Le relazioni tra gli attentatori di Parigi che vengono suggerite in questo commento sono fondate su informazioni relative alle indagini filtrate sui quotidiani d’Europa, ricompresi in una mappa concettuale più ampia che ancora deve essere verificata e della quale si potrà, forse, avere un’idea più chiara solo al termine del lavoro di intelligence che al momento si sta svolgendo per dare risposta ad alcune domande. Continue reading

14Nov/15

SPOTREP – Attaco a Parigi – by Emilio Palmieri

Venerdì 13 novembre 2015 passerà alla storia come “l’11 settembre” degli Stati Uniti d’Europa. L’attacco perpetrato ai danni di Parigi, capitale di uno dei paese fondamentali della Comunità Europea, da parte di un gruppo di militanti appartenenti alla galassia della violenza religiosamente motivata di matrice islamista è un atto di guerra a tutti gli effetti e contro tutti noi europei. Continue reading

14Nov/15

L’attacco a Parigi è la guerra in Europa – by Marco Lombardi

Non è Madrid. E’ Parigi. Il giorno 11 marzo 2004, 10 bombe su 4 treni fanno 191 morti a Madrid. Il giorno 13 novembre 2015, 8 attacchi militari fanno 150 (?) morti a Parigi. Simili eventi per estensione, per gravità, per impatto e per la matrice islamista. Ma quella di Parigi è un’azione militare, coordinata e condotta sul terreno, favorita con numerosi segnali veicolati dalla comunicazione di IS da mesi. Continue reading

26Oct/15

Keeping on connecting the dots, interesting pieces to look at – by Marco Miolino

Interestingly, looking at the bigger picture, something seems to be on the move, quickly, especially within the terrorist constellation, quite striking, when the Caliphate is engaged on different fronts. The Thursday US special forces (Delta force) and Kurdish militias hostages rescue operation in Hawija, showed a clear change (although officially denied) in the US counter-terrorism policy in ME (when Russia seems to getting the regional upper hand, with a diplomatic rhetoric much more focused on jointly fight terrorism), then Aleppo, Raqqa and Ramadi, this time, may all be part of a much more pragmatic action, now that there are troops, Quds (Iran), Russians, Iraqis and Hezbollah (Lebanon), at least, on the ground. Continue reading