30Mar/17

Parigi, Londra, Venezia, Sharm: ormai la minaccia del terrorismo al turismo richiede più attenzione – by Marco Lombardi

 Sono molti mesi che, nelle nostre analisi sulla minaccia portata dal terrorismo al turismo insistiamo, richiedendo più attenzione, soprattutto agli operatori del settore. I risultati non sono tuttavia significativi. Eppure, l’impatto che il business ha dagli attacchi portati dal terrorismo è rilevante: solo settimana scorsa, immediatamente dopo l’attentato a Londra, le scuole francesi si sono premurate di cancellare le prossime visite delle scolaresche nella capitale inglese. Continue reading

22Mar/17

Disordini sociali e fenomeni eversivi: 25 marzo 2017 a Roma e Milano – by Barbara Lucini

I media hanno già lanciato gli allarmi di possibili disordini e attentati sabato 25 Marzo a Roma per la commemorazione per i sessant’anni dei Trattati di Roma e a Milano per la visita di Papa Francesco e quella del Presidente Mattarella, quest’ultimo alla Scala per Toscanini.
In effetti sono entrambe situazioni potenzialmente esplosive.
Inoltre, gli eventi di oggi a Londra rendono dinamica e incerta una situazione di non facile gestione per la molteplicità dei profili di attacco a cui si presta. Continue reading

19Mar/17

Ides of March: Parcel bombs and the Greek export of terrorism in Europe – by Maria Chr. Alvanou

March 15, 2017: a package with an explosive mechanism mailed from Greece and addressed to german minister Wolfgang Schäuble was detected by german authorities. The name of a prominent New Democracy (main opposition party) parliament member and ex-minister was written on the package as “sender”.  The anarchist-extremist organization “Conspiracy of Cells of Fire” (CCF, in Greek: Συνωμοσία Πυρήνων της Φωτιάς, ΣΠΦ) claimed responsibility of the operation and while it did not yet issued a manifesto, it published the following short text in an antiestablishment website[1]: Continue reading

15Mar/17

Turbolenze balcaniche e spinte turche in salsa jihadista – by Giovanni Giacalone

L’area balcanica continua ad essere al centro di forti tensioni etniche che rischiano di venire a loro volta strumentalizzate da strategie internazionali che vedono nella Turchia di Erdogan un possibile regista. Ma andiamo con ordine e partiamo da qualche dinamica interna ad alcuni Paesi balcanici che stanno attraversando fasi non proprio semplici. Continue reading