24Mar/11

Il terremoto in Giappone dell’11 Marzo 2011: nuove considerazione per la sociologia e il crisis management – by Barbara Lucini

Ci sono ancora tante questioni e ve ne saranno in futuro, da esprimere e considerare circa il terremoto in Giappone dell’11 Marzocon magnitudo 9.0 della scala Richter.Prima di tutto,lamagnitudo, l’intensità e la durata di questo terremoto verificatosi in una delle zone del mondo a maggiore rischio sismico è stata una delle più alte nel corso della storia dei terremoti del Giappone e del mondo.

Continue reading

21Mar/11

Minaccia del terrorismo dal Nord Africa

Prima Gheddafi poi Putin definiscono l’intervento in Libia una “crociata”, utilizzando così un pericoloso vocabolario qaedista che ha sempre legittimato gli interventi terroristici del jihadismo radicale. Da Gheddafi è comprensibile. Da Putin meno, anche se lo si legge nell’ambito della campagna politica per le prossime presidenziali e a supporto delle tesi al riarmo russo per arginare l’interventismo americano.

Continue reading

31Gen/11

La rivolta nord africana: perché “partecipare” – by Marco Lombardi

Dalla Tunisia attraverso l’Algeria fino all’Egitto – per fermarsi alla riva sud del Mediterraneo – le fiamme della rivolta hanno cambiato definitivamente il panorama politico di quella sponda del nostro mare. L’innesco è stato differente ma gli esiti tendono alla medesima incerta destinazione fatta di richiesta di liberta, miglior vita, forse democrazia.

Continue reading

02Nov/10

Pacchi postali dallo Yemen – by Marco Lombardi

È da tempo che si parla dello Yemen come della nuova base “della base” (Al Qaeda). Ma sono storie vecchie – tuttora verificabili sul campo come ho avuto occasione di fare negli ultimi anni – che meritano una riflessione perché non meno attuali. Lo Yemen da sempre è la culla di Osama e i monti del nord sono il transito incontrollato di miliziani e armi a buon prezzo. La sua storia intreccia i percorsi di re e regine tra Africa e Arabia via Corno d’Africa (Somalia): anche adesso intrecci meno regali.

Continue reading

08Set/10

Risuona nel mondo mediatico la dichiarazione di padre Terry Jones – di Marco Lombardi

Oggi, 8 settembre, risuona nel mondo mediatico la dichiarazione di padre Terry Jones, di una chiesa battista americana ( http://www.doveworld.org/ ) che, incurante degli appelli di diplomatici invita gli americani a “bruciare in piazza il Corano ” per onorare le vittime dell’11 settembre. Lui dice, lo farà. L’iniziativa è stata duramente condannata da Al-Azhar, la massima istituzione sunnita del Cairo, dalla Lega araba e dal Vaticano che definisce il “gesto di grave oltraggio”.

Continue reading

05Set/10

Pakistan: l’immagine di una catastrofe – by Barbara Luicni

Le informazioni aggiornate sulla situazione delle alluvioni in Pakistan di questa estate del 2010 sono le seguenti: 18,6 milioni di persone colpite, morti ufficiali 1,677, abitazioni distrutte o danneggiate 1,25 milioni.
Questa catastrofe è ancora una volta, l’occasione per riflettere circa quanto accaduto di peculiare nella gestione della crisi, in particolare quattro questioni.

Continue reading

29Lug/10

Il pericolo dei civili armati da Petraeus – by Claudio Bertolotti

Fonte: Afghanistan: Sguardi e analisi (http://claudio-bertolotti.blogspot.com)

La counterinsurgency avviata dal generale McChrystal, poi ereditata dal successore Petraeus e volta a ridurre la dispersione militare sul terreno per concentrarsi sui centri abitati di medio-alta intensità, ha di fatto contribuito a rendere le aree eriferiche più sicure per i taliban, e i gruppi di opposizione in genere che vi operano, con la collaborazione, volontaria o imposta, delle popolazioni locali.

Continue reading

22Lug/10

Italy and Greece: “una faccia una razza” also in terror – by Maria Alvanou

Italy and Greece are neighbour countries with strong cultural ties for thousands of years. It seems like the bonds between Italy and Greece may be expanding also in terrorism. Recently the terror campaign that is troubling Greece struck the heart of the State. A bomb that arrived to the building of the Ministry of Citizen’s Protection (Former Ministry of Public Order) addressed personally to the minister himself, exploded killing a high rank Police Officer. The victim was going through the minister’s mail for control[1]. The responsibility for this attack has been claimed by a new group, though the authorities express doubts about the originality of this claim[2].

Continue reading

02Mag/10

Times Square, NYC: attentato fallito – by Marco Lombardi

Il 30 dicembre 2009 a  New York vicino a Times Square c’era già stato un allarme un falso allarme bomba per “un furgone sospetto senza targa e con i vetri coperti da teli, parcheggiato a Times Square tra la 42esima strada e Broadway, ha gettato per qualche ora la città nel caos ma all’interno del veicolo sono state trovati solo alcuni cartelloni di agenzie di sicurezza inesistenti.

Continue reading

22Apr/10

Domestic terrorism in Greece: comments on the recent police antiterrorism operation – by Maria Alvanou

On April 11, the Greek Police after a long period of intense research proceeded on the arrests of 6 individuals, connecting them with the “Revolutionary Fight”, the most dangerous and active – along with “Sechta” – terrorist organisation in the country. Day after day new evidence comes up and discoveries about weaponry, explosives and hiding places. The criminal charges that the suspects face are very serious, yet it is too soon to evaluate properly the whole police operation.  While the Greek Police has surely proved to be productive and alert, the juridical research and the court hearing process will decide upon the guilt or not of the suspect and their connection to the “Revolutionary Fight”, or any other terrorist group. Still, there are very interesting points that one can comment at this present stage.

Continue reading